Home » Intelligenza Artificiale e Pubblica Amministrazione: si aprono nuove frontiere

Intelligenza Artificiale e Pubblica Amministrazione: si aprono nuove frontiere

di Angelina Tortora
L’intelligenza artificiale (AI) sta avendo da anni un impatto significativo sul mercato del lavoro in diversi modi. Ecco le ultime novità sull’uso di questa tecnologia nelle piattaforme pubbliche.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) ha attivato un sistema di AI sulla piattaforma SIISL che individua le offerte di lavoro più consone al profilo professionale dei beneficiari di supporto formazione e lavoro (SIISL) e assegno di inclusione (Adi), sulla base di diciotto variabili. L’Istituto ha reso noto l’attivazione dell’AI sulla piattaforma SIISL con il messaggio n, 1358/2024. Ma non è l’unico ente pubblico ad aver recentemente usato questa tecnologia.

Anche l’Agenzia delle Entrate ha in programma di utilizzare un nuovo tool che consentirà di incrociare i dati dei contribuenti presenti nelle banche dati e nel web, per effettuare verifiche sui rapporti finanziari. Il nuovo strumento si chiama “Vera” acronimo di “verifica rapporti finanziari”, ed è finalizzato a contribuire alle analisi di rischio di evasione. In effetti, si tratta di un nuovo applicativo basato sull’AI che affiancherà i funzionari dell’Agenzia delle Entrate nella lotta all’evasione.

Nuove professioni e mansioni

L’avanzamento dell’AI richiede spesso l’acquisizione di nuove competenze da parte dei lavoratori. Di conseguenza è già in atto una ristrutturazione occupazionale, con la riduzione di alcune professioni e mansioni, ma anche con la creazione di nuove opportunità di lavoro. È possibile che alcune categorie di lavori vengano sostituite da sistemi intelligenti, ma al contempo potrebbero emergere nuovi settori e nuovi ruoli che richiedono competenze complementari all’AI. Per esempio, ci sono crescenti opportunità di lavoro per data scientist, ingegneri dell’apprendimento automatico e consulenti.

L’AI, infatti, può migliorare l’efficienza e le prestazioni aziendali  attraverso l’analisi dei dati e l’apprendimento automatico. Può aiutare le aziende a ottimizzare i processi di produzione e a fornire soluzioni personalizzate ai clienti. Oppure può migliorare l’adozione di sistemi di gestione sostenibile con il supporto di metriche e algoritmi IA a tutela della biodiversità. Può anche essere utilizzata per migliorare la produttività e il lavoro umano, per esempio con gli assistenti virtuali, che riescono ad automatizzare alcune attività amministrative, consentendo ai lavoratori di concentrarsi su compiti di maggior valore e creatività, come nel caso dell’Agenzia delle Entrate.

Angelina Tortora

Photo cover: Pixabay / StockSnap

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

HRHeroes
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.