Home » Fedegroup: il welfare come veicolo di benessere e sostenibilità

Fedegroup: il welfare come veicolo di benessere e sostenibilità

di Annarita Cacciamani
cover -NicolaPezone
Nicola Pezone, direttore HR di Fedegroup: «Un manager che si occupa di risorse umane deve ascoltare le esigenze dei lavoratori per trasformarle in soddisfazioni»

 

Fedegroup è un’azienda che offre servizi di ristorazione in outsourcing. Il direttore HR Nicola Pezone ha raccontato ad HR Heroes la sua visione della gestione delle risorse umane in un settore complicato come quello della ristorazione.

Ci racconta in breve cos’è Fedegroup?

È importante descrivere Fedegroup per quello che fa ma soprattutto per quello che è. Fedegroup gestisce servizi ristorativi in outsourcing per gli hotel, affiancando i più importanti gruppi alberghieri per garantire un servizio di ristorazione di alto livello, oltre a ristoranti retail e intere strutture hospitality. Grazie alla competenza sviluppata nei molti anni di attività, Fedegroup è composta da un team di professionisti della ristorazione in grado di coordinare sotto ogni punto di vista i servizi Food and Beverage (F&B) grazie alle sue risorse umane specializzate nei diversi ambiti necessari al funzionamento di servizi complessi: standard di servizio, amministrazione, HR, recruiting, formazione, coordinamento, operatività e gestione del conto economico ovvero analisi food cost e labour cost, il tutto supportato da sistemi informatizzati e connessi tra loro.

Nel mondo della ristorazione spesso i contratti sono poco chiari. Quali tipologie contrattuali può offrire invece una realtà come la vostra?

Il contratto Fedegroup è un contratto rappresentativo siglato dalle principali sigle sindacali. Sappiamo del difficile panorama contrattuale che viene legato al mondo della ristorazione e che porta a pensare che tutte le aziende del Food siano uguali e irrispettose verso i diritti del lavoratore o inottemperanti verso le regole contributive. Le nostre risorse umane rappresentano un’eccellenza poiché godono di una completa tutela dei diritti a livello contributivo e fiscale.

Fedegroup ha recentemente investito in un imponente piano di welfare aziendale.

Oggi un’azienda a cui sta a cuore il benessere delle proprie risorse umane è un’azienda vincente. Il welfare aziendale è la frontiera per la sostenibilità del lavoro e del benessere dei lavoratori. Per questo Fedegroup ha introdotto un programma complesso di welfare, contribuendo attivamente a sostenere i suoi collaboratori per sopperire alla perdita del potere d’acquisto, garantendo al contempo la sostenibilità aziendale. Leghiamo infatti gli obiettivi aziendali a premialità, così da redistribuire il risultato tra coloro che hanno contribuito attivamente al suo raggiungimento.

Come si gestiscono al meglio, secondo lei, i percorsi di formazione e di carriera dei dipendenti?

Entrare in azienda significa affacciarsi a una realtà altamente competitiva e veloce, che dovendo rispondere alle esigenze di un settore molto dinamico offre continui stimoli positivi e sfide costruttive accompagnando così ad una crescita costante e ricca di soddisfazioni. La formazione continua, l’attenzione alla sicurezza sul lavoro e all’Haccp (analisi dei rischi e controllo dei punti critici), l’approccio informatico e l’attenzione all’esecuzione di servizi con i più attenti livelli di standard applicati ai diversi contesti ristorativi e alberghieri sono il sottofondo che accompagna la crescita delle nostre risorse. Fedegroup ha poi investito nella creazione della scuola professionale Ho.Re.CaMp, dedicata alla formazione di alta specializzazione delle figure legate al mondo del Food che vogliono completare o ampliare la loro formazione con la garanzia della professionalità ed esperienza del team Fedegroup. È quindi reale la possibilità di raggiungere obiettivi personali e professionali entro i primi tre anni circa di carriera, potendo esprimere il proprio potenziale e trovando la propria collocazione professionale.

Come vede il futuro delle risorse umane? Che consigli possiamo dare a chi sta iniziando la propria carriera nel mondo HR?

RITRATTI-73Per coordinare le risorse umane è necessario studiare molto, ma anche vivere sul campo il rapporto umano con i propri colleghi. Chi occupa la posizione di HR manager deve saper anticipare le esigenze e il fabbisogno delle risorse umane, comprendendo le necessità ancor prima che emergano. Nelle aziende più lungimiranti, la figura HR è determinante e caratteristica poiché al centro delle dinamiche di sviluppo aziendale. La crescita delle risorse che formano l’azienda rappresenta il cuore pulsante di un sistema sano e che funziona. La figura di HR Manager deve dimostrare impegno, dedizione e una grande capacità di lavorare in squadra oltre ad alimentare costantemente la propria formazione per essere sempre in grado di coordinare i processi aziendali per il benessere dei suoi collaboratori. Avere professionisti delle risorse umane che sanno agire e pensare per il benessere del dipendente rende l’azienda produttiva e sicura perché le sue risorse si identificheranno sempre di più con l’azienda stessa sviluppando un forte senso di appartenenza. Non bisogna dimenticare che ogni risorsa è diversa e chiede un ascolto e un’attenzione differente, per questo bisogna saper ascoltare e interpretare i bisogni delle persone trasformandoli in soddisfazioni professionali, attraverso un accompagnamento formativo sempre attivo e personalizzato.

 

Annarita Cacciamani

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

HRHeroes
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.